Un certo Dostoevskij
curato da Pavel Fokin

Un certo Dostoevskij

Biografia polifonica in lettere, diari e testimonianze

«Se un lettore cerca il vero Dostoevskij, non lo troverà in questo libro, troverà invece, in questo testo polivoco, appassionato e appassionante, diversi Dostoevskij, molti Dostoevskij, in contraddizione l’uno con l’altro, dai quali poi, alla fine, ogni lettore potrà ricavare il proprio, Dostoevskij, oppure no.» Dalla prefazione di PAOLO NORI

Aleksandr Egorovič Vrangel’, amico di Dostoevskij negli anni dell’esilio in Siberia, racconta che il grande romanziere addomesticò delle bisce per spaventare a morte le donne che si ostinavano a rubargli i fiori dalle aiuole. «In seguito», ricorda Vrangel’, «ridemmo a più non posso per molto tempo, ripensando all’accaduto». Che Fëdor Michajlovič fosse un tipo particolare lo sapevano un po’ tutti i suoi amici: mentre lo ascoltava leggere in anteprima ad alta voce il romanzo Povera gente, lo scrittore Grigorovič ricorda che «pieno di ammirazione all’inverosimile, qualche volta tentai di saltargli al collo; mi tratteneva solo la sua avversione verso le effusioni rumorose ed espressive». Abbiamo in fin dei conti un’idea un po’ stereotipata di Dostoevskij: il grande scrittore cupo e meditabondo, tormentato dai suoi stessi pensieri, idealmente sempre emaciato come nelle foto in Siberia. Questo è quello che succede ogni volta che si sedimentano le letture critiche di secoli di saggi e biografie, riducendo la persona a personaggio. Ma, a sentire la viva voce di chi l’ha conosciuto, il più grande romanziere russo dell’Ottocento era anche un procrastinatore che non voleva mai mettersi a lavoro, o un oratore brillante tra amici che diventava poi ansioso e taciturno quando si trovava tra estranei. Un certo Dostoevskij, simpatico ad alcuni e antipatico a molti, golosissimo di dolci, prodigo di prestiti, con una bassa opinione di sé e della sua opera ma cordiale verso gli ammiratori. Uno che a sedici anni, quando morì Puškin, avrebbe voluto portare il lutto e che da studente dovette ripetere l’anno perché l’insegnante di algebra «voleva sicuramente bocciarmi». Un marito geloso ma affettuoso, un padre che addobbava l’albero di Natale in piedi su uno sgabello e ballava la mazurka con i figli. Lo storico della letteratura Pavel Fokin in questa biografia polifonica ricostruisce per la prima volta la vita dell’autore attraverso fonti contemporanee: aneddoti, lettere, atti di processi e memorie scritti da poeti, rivoluzionari, critici, parenti e amici. Un certo Dostoevskij ci restituisce la vita romanzesca di uno dei più amati scrittori di sempre, attraverso la stima dei colleghi, la soggezione dei conoscenti, la tenerezza dei familiari, il ricordo prezioso di chi ebbe modo di incontrarlo anche solo una volta

PAVEL FOKIN (1966) è storico della letteratura e filologo russo. È direttore del Museo letterario memoriale di Dostoevskij a San Pietroburgo. Oltre a questa di Dostoevskij, ha curato le biografie polifoniche di altri poeti e romanzieri russi: Puškin, Gumilëv, Gogol’, Čechov, Turgenev, Gončarov, Cvetaeva e Achmatova. Vive a Mosca.


€ 9,99
DeA Planeta Libri Amazon Kobo iBooks Apple Mondadori Store IBS laFeltrinelli

Hai acquistato il libro? Scarica l'e-book

e-book compreso nel prezzo

Potrebbero interessarti

un-messaggio-per-garcia
di Paolo Bertinetti

Shakespeare creatore di miti

Breve corso su Romeo e Giulietta, Amleto, Falstaff, Machbeth, Otello e il loro autore
un-messaggio-per-garcia
di Paolo Nori

I russi sono matti

Corso sintetico di letteratura russa 1820-1991
un-messaggio-per-garcia
di Virginia Woolf, Nadia Fusini

Ritratto della scrittrice da giovane

Lettere 1896-1912
un-messaggio-per-garcia
di Jim Holt

Perché il mondo esiste?

Una detective-story filosofica
un-messaggio-per-garcia
di Valentina Farinaccio

Ulay e Marina. L‘ultimo incontro

Un ebook gratuito tratto da Quel giorno. Racconti dell'attimo che ha cambiato tutto
ter::show(); ?>