Indice, storia dell'
di Dennis Duncan

Indice, storia dell'

Dai manoscritti a Google, l’avventurosa storia di come abbiamo imparato a orientarci nel sapere

Più di 2300 anni fa veniva edificata la biblioteca di Alessandria, pronta a raccogliere in un unico luogo migliaia di papiri. Questa concentrazione mai vista prima di opere pose dei problemi pratici: come orientarsi tra file e file di rotoli all’apparenza tutti uguali senza doverli srotolare uno per uno? Come dividerli tra gli scaffali, come raggrupparli? Fu il poeta Callimaco a trovare una soluzione semplice ma geniale: catalogare alfabeticamente le casse contenenti i rotoli e stilare a parte un volume che raccogliesse l’elenco delle opere presenti nella biblioteca. Man mano che la produzione di testi scritti aumentava, il libro stesso iniziò a cambiare, per rispondere alla domanda che tormentava già Callimaco: com’è possibile trarre velocemente un’informazione in questa selva di pagine? I libri iniziarono così a essere divisi in capitoli che scandivano i temi tenendo conto del tempo effettivo di una singola sessione di lettura, mentre la divisione dei paragrafi sorse insieme alle prime università, per fornire agli studenti una scansione visiva più rapida ed efficace. A partire dalle concordanze delle bibbie medievali, questo inesausto processo di affinamento tecnologico del libro si raddensò intorno a uno strumento oggi spesso sottovalutato, nascosto com’è nelle ultime pagine di ogni volume: l’indice analitico. Pochi lo sanno, infatti, ma è per rendere efficienti gli indici che sono nati i moderni numeri di pagina. E questa centralità segreta dell’indice nell’ecosistema del sapere arriva fino a oggi: ogni volta che sfruttiamo la barra di ricerca di Google stiamo solo accedendo a una forma avanzatissima di indice analitico, non poi troppo diverso da quelli che con l’invenzione della stampa presero a corredare la moltitudine di copie che affollavano le biblioteche del mondo. Dennis Duncan ci racconta per la prima volta l’avventurosa storia dell’indice analitico, di come abbia salvato eretici dai roghi, influenzato la politica e provocato risse tra scrittori. Scopriremo un regno di improbabile ossessione e piacere che accomunò nei secoli tipografi tedeschi e monaci medievali, Virginia Woolf e Vladimir Nabokov, filosofi illuministi e ingegneri informatici della Silicon Valley. Perché Indice, Storia dell’ è in fin dei conti la storia di come abbiamo imparato con fatica e ostinazione a rendere leggibile il grande e vitale caos di conoscenza che ogni giorno produciamo.

Dennis Duncan è scrittore, traduttore, docente di inglese presso la University College di Londra e membro della Royal Historical Society. Ha pubblicato numerosi libri accademici, oltre a traduzioni di Michel Foucault, Boris Vian e Alfred Jarry. I suoi scritti sono apparsi su “The Guardian”, “The Times Literary Supplement” e “London Review of Books”.

  • Argomento Saggi e Divulgazione
  • Tradotto da Chiara Baffa
  • ISBN 9788851199579
  • Pubblicato nel 2022
  • Formato Ebook

€ 9,99
De Agostini Libri Amazon Kobo iBooks Apple Mondadori Store IBS laFeltrinelli

Hai acquistato il libro? Scarica l'e-book

e-book compreso nel prezzo

Potrebbero interessarti

un-messaggio-per-garcia
di Antonio Perazzi

I giardini invisibili

Un manifesto botanico
un-messaggio-per-garcia
di Agnese Codignola

Il lungo Covid

La prima indagine sulle conseguenze a lungo termine del virus
un-messaggio-per-garcia
di Giovanni Spadaccini

Compro libri, anche in grandi quantità

Taccuino di un libraio d’occasione
un-messaggio-per-garcia
di Alessandro Mari, Ginevra Azzari, Matilde Piran

Libri, istruzioni per l'uso

L’arte di scegliere, organizzare e disordinare le librerie di casa
ter::show(); ?>