Un messaggio per García
di Elbert Hubbard

Un messaggio per García

con una nota di Luciano Canfora e un ritratto di Giuseppe Scaraffia

15 febbraio 1898: la corazzata Maine, ancorata al largo dell’Avana, esplode misteriosamente, e le tensioni tra Spagna e Stati Uniti per il controllo di Cuba trovano così modo di sfociare in una guerra.

Nei mesi successivi, il presidente McKinley capisce che l’unico modo per sconfiggere gli spagnoli è allearsi con il generale García, capo del gruppo di ribelli che da tempo lotta per l’indipendenza di Cuba. Occorre prendere subito contatti col generale, nascosto da qualche parte nelle montagne orientali dell’isola. Serve qualcuno che, da solo e in incognito, sbarchi in territorio ostile e rintracci in fretta García, consegnandogli il messaggio del presidente. Una missione pericolosa, forse suicida.

Si fa avanti un ufficiale qualunque, di nome Rowan. Non fa domande, non si lamenta, non indietreggia: prende la lettera e parte per Cuba, tornando giorni dopo con la risposta del generale.

Un messaggio per García, pubblicato l’anno dopo, sfrutta questo episodio per intessere l’apologo dell’uomo che fa bene il suo lavoro, che ha spirito d’iniziativa e non mette in discussione gli ordini ricevuti. Il libretto col tempo è diventato un caso editoriale: ha venduto più di 40 milioni di copie, è stato tradotto in 37 lingue e ancora oggi è utilizzato da motivatori e mental coach nei corsi di formazione aziendali.
Il suo autore, Elbert Hubbard, è un estroso personaggio la cui vita merita di essere raccontata – come fa con gusto Giuseppe Scaraffia in coda a questa edizione.

Ma, ancora più importante, è il Messaggio stesso che va rivalutato: contestando l’idea che il pamphlet celebri il modello della società capitalistica, Luciano Canfora nella sua nota introduttiva rivendica alla sinistra quest’idea di lavoro e di etica del lavoro. Un messaggio per García diventa allora manifesto ideale per questi anni, dove è sempre più difficile tenere a mente che la nostra Repubblica è fondata sul lavoro.

Elbert Hubbard (1865-1915), scrittore, imprenditore e filosofo americano, fondò la celebre comunità di artigiani Roycroft, sorta sulla scia del movimento Arts and Crafts. Il suo più grande successo fu però Un messaggio per García, uscito su rivista e poi ristampato come pamphlet in milioni di copie. Il 7 maggio del 1915 morì a bordo del transatlantico Lusitania, al largo dell’Irlanda: la nave era stata colpita da un sommergibile tedesco U-20.

  • Argomento Storia Psicologia Politica
  • Tradotto da Chiara Baffa
  • Prefazione di Luciano Canfora
  • Postfazione di Giuseppe Scaraffia
  • ISBN 9788851142681
  • Pubblicato nel 2016
  • Formato Ebook

€ 2,99
Amazon Kobo iBooks Apple Mondadori Store IBS laFeltrinelli

Hai acquistato il libro? Scarica l'e-book

e-book compreso nel prezzo

Potrebbero interessarti

un-messaggio-per-garcia
di Steven Heller

Storia universale della svastica

Come un simbolo millenario è diventato emblema del male assoluto
un-messaggio-per-garcia
di Piero Ruzzante, Antonio Martini

Eppure il vento soffia ancora

Gli ultimi giorni di Enrico Berlinguer
un-messaggio-per-garcia
di Lia Celi

Quella sporca donnina

Dodici seduttrici che hanno cambiato il mondo
un-messaggio-per-garcia
di Per J. Andersson

Storia meravigliosa dei viaggi in treno

Sui binari del mondo dall'Orient Express all'Interrail, dalla conquista del West al futuro
un-messaggio-per-garcia
di Matteo Lancini

Cosa serve ai nostri ragazzi

I nuovi adolescenti spiegati ai genitori, agli insegnanti, agli adulti
ter::show(); ?>