Napoleone il Grande
di Andrew Roberts

Napoleone il Grande

Nel marzo 1807, lontano dalla Francia, Napoleone Bonaparte scriveva alla moglie Giuseppina: «So fare altre cose oltre a condurre guerre, ma il dovere viene per primo».
E nell’arco di vent’anni appena, dall’ottobre 1795, in cui era un giovane capitano di artiglieria mandato a sedare tumulti a Parigi, fino al giugno 1815 e alla sconfitta finale di Waterloo, Napoleone ebbe modo di mostrare in quante forme questo senso del dovere poteva manifestarsi: conquistato il potere con un colpo di stato, pose fine alla corruzione e all’incompetenza in cui si era arenata la Rivoluzione, e se da una parte reinventò l’arte della guerra in una serie di battaglie folgoranti, dall’altra ricreò dalle fondamenta l’apparato legislativo e amministrativo, modernizzò i sistemi di istruzione e promosse la fioritura dello “stile impero” nelle arti. Poi l’impossibilità di sconfiggere il suo nemico più ostinato, la Gran Bretagna, lo spinse verso campagne estenuanti e alla fine fatali in Spagna e Russia. L’epilogo in sordina della sua vita avventurosa, in esilio a Sant’Elena, per ironia della sorte e della Storia si salda con i suoi esordi, con quel quaderno di geografia dove da ragazzo annotava, a margine di un lungo elenco di possedimenti imperiali britannici: «Sainte-Hélène: petite île».
Andrew Roberts ha attinto al corpus completo delle 33000 lettere napoleoniche, tuttora in corso di pubblicazione, e ha visitato quasi tutti i campi di battaglia e i luoghi della sua vita, mostrandoci per la prima volta “l’imperatore dei francesi” così com’era davvero: incredibilmente versatile, ironico, ambizioso, ferocemente determinato ma anche disposto al perdono, ossessionato dalla discendenza e scostante in amore. Perché Napoleone il Grande non fu una sorta di antieroe destinato alla nemesi, un moderno personaggio da tragedia greca o un’altra delle immagini che gli hanno ritagliato addosso dozzine di ricostruzioni storiche. Come scrisse nelle sue memorie George Home, guardiamarina a bordo della nave inglese che lo prese in consegna, sconfitto e prigioniero, dopo Waterloo, Napoleone «ci ha mostrato che cosa può fare una semplice creatura umana, come noi, in un arco di tempo così breve».

Vincitore del Prix du Jury des Grand Prix de la Fondation Napoléon 2014

Traduzione di Luisa Agnese Dalla Fontana e Aldo Piccato

 

«Molto divertente e provocatorio.»

Antony Beevor, autore di Stalingrado

 

«Dinamite pura.»

Bernard Cornwell, autore di Waterloo

 

«Andrew Roberts, infaticabile nel rintracciare documenti, nel perlustrare i campi di battaglia, i palazzi e i luoghi d’esilio di Napoleone, fa confluire il tutto in un grande affresco che traccia con l’aplomb del consumato narratore e storico. Un libro che ricorda alle nuove generazioni perché Napoleone è stato così importante, e perché continuerà a esserlo.»

Mark Mazower, THE GUARDIAN

 

«Una biografia corposa, ricca, profonda, ironica, umana. Trasuda ammirazione senza essere apologetica. Ma non è soltanto una brillante biografia di Napoleone. È anche un saggio sull’arte di governare e una meditazione sulla Storia.»

Dan Jones, THE DAILY TELEGRAPH

 

«Un libro degno di un trionfo napoleonico: scritto con eleganza, epico nel respiro, romanzesco nella cura dei dettagli, restituisce l’irresistibile slancio galoppante di una carica di cavalleria, pur essendo a suo agio nel raccontare il campo di battaglia quanto la camera da letto. Eccola qua, la biografia definitiva.»

Simon Sebag Montefiore, EVENING STANDARD

è un biografo e storico di fama internazionale. È membro della Royal Society of Literature e della Royal Historical Society e fa parte del consiglio della International Churchill Society. È visiting professor del Dipartimento di War Studies al King’s College di Londra e visiting research fellow all’Hoover Institution dell’Università di Stanford. Per Utet ha pubblicato Napoleone il Grande (2014), insignito del Grand Prix della Fondation Napoléon e del Los Angeles Times Biography Prize.

  • Argomento Biografia Storia
  • Tradotto da Luisa Agnese Dalla Fontana, Aldo Piccato
  • ISBN 9788851133177
  • Pubblicato nel 2015
  • Formato Ebook

€ 19,99 € 19,98
Amazon Kobo iBooks Apple Mondadori Store IBS laFeltrinelli

Hai acquistato il libro? Scarica l'e-book

e-book compreso nel prezzo

Dello stesso autore

un-messaggio-per-garcia
di Andrew Roberts

Churchill

La biografia

Potrebbero interessarti

un-messaggio-per-garcia
di Keith Lowe

Prigionieri della storia

Che cosa ci insegnano i monumenti della seconda guerra mondiale sulla memoria e su noi stessi
un-messaggio-per-garcia
di Eric Lax

Woody Allen dall'inizio alla fine

Un anno sul set con un grande regista
un-messaggio-per-garcia
di Francesca Paci

Un amore ad Auschwitz

Edek e Mala: una storia vera
un-messaggio-per-garcia
di Arrigo Petacco

Come eravamo negli anni di guerra

La vita quotidiana degli italiani tra il 1940 e il 1945
ter::show(); ?>