Vite parallele – Vol. II
di Plutarco
curato da Domenico Magnino

Vite parallele – Vol. II

Pericle e Fabio Massimo, Nicia e Crasso, Alcibiade e Gaio Marcio, Demostene e Cicerone

«Spesso un breve episodio, una parola, un motto di spirito mette in luce il carattere molto meglio che non battaglie con migliaia di morti, grandissimi schieramenti di eserciti, assedi di città.» Di vite e non di storia s’impegna a scrivere Plutarco, autore di lingua greca tra i più importanti e fecondi del mondo classico. Nato a Cheronea intorno al 50 d.C., durante il regno dell’imperatore Claudio, egli fu cittadino dell’Impero romano e condusse una lunga vita: morì ottantenne, dopo essere stato studioso, politico, filosofo, scrittore e sacerdote del dio Apollo a Delfi. Consapevole di vivere in una fase della storia caratterizzata dalla necessità di riunire sotto un unico cielo due mondi distinti, quello greco e quello latino, Plutarco reinterpretò in modo originale la tradizione romana della biografia aneddotica, modificandone la forma e la struttura per venire incontro alle nuove esigenze di un impero che aveva sempre meno frontiere tra Oriente e Occidente.
Le Vite Parallele raccolgono così, a coppie, le biografie di un uomo illustre greco e di un suo corrispettivo latino, scelti secondo criteri di somiglianza nel carattere o nel destino, allo scopo, di natura morale, di mettere in luce l’uomo.

Nel presente volume sono raccolte le vite di Pericle e Quinto Fabio Massimo, grandi condottieri che guidarono Atene e Roma in tempi di crisi, ma anche le biografie di personaggi come Alcibiade e Gaio Marcio Coriolano, eroi negativi destinati a morire lontano dalla patria, nonostante le loro imprese. Sono qui presentate, inoltre, le vicende di Cicerone e Demostene, politici accorti e oratori senza rivali, e quelle di Nicia e Crasso, un uomo prodigo e uno di temperamento tirannico, accomunati dall’avere avuto in sorte enormi ricchezze.


Plutarco è stato un biografo, scrittore e filosofo greco antico, vissuto sotto l’Impero Romano. È stato uno degli scrittori più produttivi della Grecia antica e, dopo una parentesi di oblio durante il Medioevo cristiano (soprattutto a causa dello scisma d’Oriente), tornò a essere studiato solo nel Trecento, quando iniziò a essere tradotto in volgare e in latino, soprattutto negli anni dell’Umanesimo.
Studiò ad Atene e fu fortemente influenzato dalla filosofia di Platone. La sua opera più famosa è Vite parallele, biografie dei più famosi personaggi dell’antichità.
Nacque tra il 46 e il 48 d.C. in Beozia, a Cheronea, probabilmente da una famiglia piuttosto benestante. Nel 60 d.C. si stabilì ad Atene, dove ebbe l’opportunità di conoscere Ammonio, filosofo platonico presso il quale studiò la retorica, la matematica e la filosofia platonica. Ad Atene conobbe Nerone e istituì un’accademia in casa propria.
Dopo alcuni viaggi si stabilì a Roma dove conobbe l’imperatore Vespasiano e tenne diverse lezioni, pur non padroneggiando ottimamente la lingua latina.
Tra le numerose cariche, fu eletto sacerdote nel santuario di Apollo a Delfi nel 117 d.C., e gli fu conferita la carica di procuratore dall’imperatore Adriano.
Eusebio racconta che morì forse nel 119 d.C., ma molti oggi indicano date che vanno oltre il 120-125.

Domenico Magnino (1926-2002) è stato professore di Grammatica greca e latina presso l’Università di Pavia e presidente dell’Associazione Italiana di Cultura Classica.

  • Argomento Classici Biografia
  • ISBN 9788841886984
  • Pubblicato nel 2013
  • Brossura con alette
  • Pagine 736

€ 14,00 € 11,90
Amazon Mondadori Store IBS laFeltrinelli

Hai acquistato il libro? Scarica l'e-book

e-book compreso nel prezzo

Potrebbero interessarti

un-messaggio-per-garcia
di Vittorio Sabadin

Elisabetta, l'ultima regina

un-messaggio-per-garcia
di Matthew Sturgis

Oscar

Vita di Oscar Wilde
un-messaggio-per-garcia
di Alain Minc

Diavolo di un Keynes

Una vita di John Maynard Keynes
un-messaggio-per-garcia
di Sue Prideaux

Io sono dinamite

Vita di Friedrich Nietzsche
un-messaggio-per-garcia
di Andrea Santangelo, Lia Celi

Le due vite di Lucrezia Borgia

La cattiva ragazza che andò in Paradiso
ter::show(); ?>