Premierato all'italiana
di Alessandro Sterpa

Premierato all'italiana

Le ragioni e i limiti di una riforma costituzionale

Un testo indispensabile per capire la riforma costituzionale sul premierato

«Queste riflessioni vogliono essere un contributo al dibattito attuale partendo dall’esame del testo della riforma e del contesto della riforma. Vogliono essere un invito a riflettere non su chi la propone o chi l’ha votata tra le forze politiche presenti in Parlamento, ma per capire se la nuova forma di governo serve al Paese. Se serve a rinforzare la Costituzione e se serve a rafforzare l’Italia.»
Leonardo Sciascia spiegava che occorre essere riformisti per ciò che non funziona e conservatori per quello che funziona. Se si parla di riforme costituzionali, è facile perdere questo punto di vista equilibrato.
Il 2024 è l’anno decisivo per il cammino parlamentare della cosiddetta riforma del premierato: una modifica dell’assetto istituzionale repubblicano secondo cui alle elezioni politiche nazionali gli italiani sceglieranno non solo i parlamentari, ma anche il capo del Governo che del Parlamento deve avere la fiducia. Si tratta di una riforma che mira a migliorare la capacità dell’esecutivo di attuare le politiche per le quali è stato eletto, rafforzandolo rispetto alle mutevoli alleanze parlamentari che per lunghi tratti della nostra storia repubblicana hanno reso breve e complicata l’attività di molti governi. Non manca chi rileva potenziali rischi nel porre mano agli assetti costituzionali sanciti dai costituenti – chi argomenta nel merito e in punto di diritto, ma anche chi si oppone a qualunque riforma costituzionale per principio.
Alessandro Sterpa si addentra nella riforma del premierato con attenzione e competenza, mettendo in luce le ragioni che l’hanno ispirata e gli obiettivi che intende raggiungere. Una voce autorevole che cerca di illustrare ai cittadini italiani, che saranno probabilmente chiamati a esprimersi in un referendum, i lineamenti di una questione complessa, spesso ostaggio di estremismi contrapposti e faziosità politica.

ALESSANDRO STERPA, costituzionalista, è professore di Diritto pubblico all’Università degli studi della Tuscia, dove coordina il dottorato di ricerca in “Società in mutamento: politiche, diritti e sicurezza”. Tra i fondatori della rivista scientifica “federalismi.it”, ha ricoperto incarichi istituzionali e accademici. È attualmente impegnato sul tema delle riforme costituzionali con l’associazione Io Cambio. Tra le sue pubblicazioni: Le intese tra le Regioni (Giuffré, 2011), L’ordinamento di Roma capitale (Jovene, 2014), Il pendolo e la livella. Il federalismo all’italiana e le riforme (Giappichelli, 2015) e La libertà dalla paura (Editoriale Scientifica, 2019).


€ 20,00
Amazon Mondadori Store IBS laFeltrinelli

Potrebbero interessarti

un-messaggio-per-garcia
di Agnese Codignola, Francesca Coin, Giulia Corsini, Ferdinando Cotugno, Gianluca Didino, Barbara Frale, Ludovica Lugli, Ilaria Mazzini, Emanuele Menietti, Guido Mori, Franco Palazzi, Claudia Pasquero, Paolo Pecere, Simone Pieranni, Daniele Zinni

Sta arrivando la fine del mondo?

15 punti di vista sulle paure e i rischi apocalittici del nostro presente
un-messaggio-per-garcia
di Concetto Vecchio

Io vi accuso

Giacomo Matteotti e noi
un-messaggio-per-garcia
di Marco Aime, Federico Faloppa, Adriano Favole, Guido Barbujani, Irene Borgna, Emanuela Borgnino, Ugo Morelli, Marco Paolini

Umani e non umani. Noi siamo natura

un-messaggio-per-garcia
di Matteo Bordone

L'invenzione del boomer

ter::show(); ?>