La consolazione della filosofia
di Severino Boezio
curato da Claudio Moreschini

La consolazione della filosofia

Tra i grandi classici del pensiero, la Consolazione della filosofia di Boezio è uno dei libri più influenti: conosciuto e amato da lettori illustri di ogni epoca, da Dante a Casanova, da Machiavelli a Chaucer. Soprattutto, è una delle opere in cui filosofia e vita si intrecciano nel modo più compiuto.
Scritto in carcere dal filosofo e funzionario romano Boezio nei mesi subito precedenti la sua condanna a morte (525-526 d.C.), questo bellissimo e toccante «canto di prigionia», come lo definisce Carlo Ossola, alterna versi e prosa riflessiva in una meditazione sempre attuale – sul fine della vita e sul destino, sui rovesci della fortuna e sui punti di forza dell’uomo – che può essere di grande consolazione per ogni animo tormentato da interrogativi sulla propria sorte.
Protagonista del libro è la filosofia stessa, che appare a Boezio sotto l’aspetto di una donna. Affascinante e solenne, porta vesti lacerate a causa delle liti tra opposte correnti di pensiero. Vesti sulle quali si intravedono, tuttavia, ancora i ricami raffiguranti le due lettere (theta e pi greco) che sono simbolo delle due branche fondamentali del sapere utile all’uomo: filosofia teoretica e filosofia pratica. «Ora è giunto il momento di curare, non di piangere» spiega la “musa” della filosofia a un affranto Boezio nei capitoli iniziali del libro. E la preziosa cura – filosofica e spirituale – che viene dagli insegnamenti degli antichi maestri, Platone e Aristotele in primis, è tutta racchiusa in queste pagine che sanno trasformare la poesia più elevata in uno «scrigno del ragionare della mente».


Anicio Manlio Torquato Severino Boezio, noto come Severino Boezio, o anche solo come Boezio, è stato un filosofo e senatore romano. Con le sue opere ha avuto una profonda influenza sulla filosofia cristiana del Medioevo, tanto che alcuni lo collocarono tra i fondatori della Scolastica. Fu principale collaboratore del re Teodorico, ricoprì la carica di magister officiorum. Boezio nel clima di rilancio della cultura che la pace rese possibile durante il regno del re goto, concepì l’ambizioso progetto di tradurre in latino le opere di Platone e di Aristotele. Negli ultimi anni di Teodorico, che lo resero sospettoso di tradimenti e congiure, Severino venne imprigionato a Pavia e giustiziato.

Dopo una formazione accademica alla Scuola Normale Superiore di Pisa e a Oxford, ha insegnato Letteratura latina e Letteratura cristiana antica all’Università di Pisa. Autore di centinaia di pubblicazioni scientifiche e divulgative, si è occupato soprattutto della cultura tardo-antica pagana e cristiana dal II al VI secolo d.C., adottando una prospettiva globale, tale da approfondire anche i risvolti filosofici e teologici. È direttore o membro del comitato di lettura di varie collane scientifiche in Italia e all’estero. Ha curato edizioni critiche e saggi su autori come Apuleio, Gregorio di Nazianzo, Cicerone, Boezio.

  • Argomento Classici Filosofia
  • ISBN 9788851125196
  • Pubblicato nel 2014
  • brossura con alette
  • Pagine 368

€ 14,00 € 11,90
Amazon Mondadori Store IBS laFeltrinelli

Hai acquistato il libro? Scarica l'e-book

e-book compreso nel prezzo

Potrebbero interessarti

un-messaggio-per-garcia
di Rosanna Panelli Marvulli

Abbagnano. Una vita per la filosofia

Opere, documenti, ricordi
un-messaggio-per-garcia
di Sue Prideaux

Io sono dinamite

Vita di Friedrich Nietzsche
un-messaggio-per-garcia
di Diego Fusaro

La notte del mondo

Marx, Heidegger e il tecnocapitalismo
un-messaggio-per-garcia
di Francis Fukuyama

Identità

La ricerca della dignità e i nuovi populismi
un-messaggio-per-garcia
di Marco Belpoliti, Giovanni De Luna, Nicola Gardini, Nadia Fusini, Fabrizio Gifuni, Francesca Rigotti

Rompere le regole

Creatività e cambiamento
ter::show(); ?>