Maestro di felicità
di Zenone

Maestro di felicità

Che ci sia un cinico alle origini dello Stoicismo, la più rinomata delle correnti filosofiche, la dice lunga sulla comune ispirazione delle varie scuole antiche. Tale è la storia di Zenone di Cizio (334-262 a.C.), approdato alla filosofia grazie a un “fortunato” naufragio, ghiotto di fichi verdi, amante della coerenza tra le cose piccole e quelle grandi. Giovane straniero di origine fenicia, bighellondando per le vie di Atene, s’imbatté in quello che sarebbe diventato il suo maestro: il cinico Cratete. Zenone lo seguì, letteralmente, fino a quando non fu pronto a invertire la rotta diventando lui stesso il maestro, e fondatore di un’intera corrente filosofica, la celebre Stoà. «Ottimo fra tutti è chi si lascia persuadere da chi ben consiglia. Ma uomo eccellente è anche chi sa, da solo, pensare ogni cosa» è una delle massime, ispirate al poeta Esiodo, che Zenone ci ha lasciato.


Potrebbero interessarti

un-messaggio-per-garcia
di Sue Prideaux

Io sono dinamite

Vita di Friedrich Nietzsche
un-messaggio-per-garcia
di Diego Fusaro

La notte del mondo

Marx, Heidegger e il tecnocapitalismo
un-messaggio-per-garcia
di Francis Fukuyama

Identità

La ricerca della dignità e i nuovi populismi
un-messaggio-per-garcia
di Marco Belpoliti, Giovanni De Luna, Nicola Gardini, Nadia Fusini, Fabrizio Gifuni, Francesca Rigotti

Rompere le regole

Creatività e cambiamento
un-messaggio-per-garcia
di Corrado Del Bò, Filippo Santoni de Sio

La partita perfetta

Filosofia del calcio
ter::show(); ?>