Epistole ad Attico II
di Marco Tullio Cicerone
curato da Carlo Di Spigno

Epistole ad Attico II

Volume secondo

Che vuoi sapere di più? Ottaviano si proclama nostro capo e crede necessario che io non gli venga meno. Il consiglio che gli ho dato è stato quello di dirigersi a Roma. In termini concreti mi sembra che egli potrà contare sull’appoggio sia del popolino dell’Urbe sia delle persone dabbene.

La vita di Marco Tullio Cicerone, il più grande intellettuale e filosofo latino della tarda Repubblica, è scandita da un’incessante produzione di scritti: dialoghi e trattati filosofici sui più svariati argomenti, orazioni, opere di retorica. Nelle aule dei tribunali non aveva rivali, e ancora oggi i suoi scritti incarnano il canone degli studi classici. Ma Cicerone visse in un’epoca difficile. Conobbe tre grandi guerre civili, quella tra Mario e Silla, la congiura di Catilina e infine le tensioni che si crearono a Roma al tempo di Giulio Cesare. Venne esiliato, si vide espropriare i beni da avversari politici, e perse le sue ricchezze e la sua famiglia. Più ancora che i suoi dialoghi e le sue orazioni, sono le lettere che scrisse al suo amico Tito Pomponio Attico tra il 68 e il 44 a.C. a contenere le più affascinanti riflessioni del filosofo sull’attualità, sulla storia e sulla sua vita personale, negli anni che videro il crollo della Repubblica romana e la tormentata e cruenta nascita dell’Impero.
Questo secondo volume raccoglie le lettere scritte tra il 49 e il 44 a.C. La guerra civile è ormai scoppiata, e tra i nomi che Cicerone cita compare sempre più frequentemente quello di Cesare. Le vicende private di Cicerone si fanno via via più tormentate: egli divorzia, dopo trent’anni, dalla moglie Terenzia, e perde prematuramente la figlia Tullia. Sul fronte pubblico, Cicerone assiste al proprio declino finanziario e all’ascesa di Antonio, il suo ultimo grande avversario.

Le Epistole ad Attico ci permettono di conoscere un Cicerone “privato”, straordinariamente moderno nel suo sforzo di essere al tempo stesso marito, padre e uomo politico in una Roma in bilico tra guerra e pace, tra repubblica, dittatura e monarchia.

Marco Tullio Cicerone (Arpino, 3 gennaio 106 a.C. – Formia, 7 dicembre 43 a.C.) è stato un avvocato, politico, scrittore e oratore romano.

Cicerone fu una delle figure più rilevanti di tutta l’antichità romana. La sua vastissima produzione letteraria, che va dalle orazioni politiche agli scritti di filosofia e retorica, oltre a offrire un prezioso ritratto della società romana negli ultimi travagliati anni della repubblica, rimase come esempio per tutti gli autori del I secolo a.C., tanto da poter essere considerata il modello della letteratura latina classica.

CARLO DI SPIGNO (1926-2014), dopo la laurea in Lettere antiche a Pisa, ha insegnato per oltre quarant’anni latino e greco al liceo classico. Ha curato un’antologia dalle Storie di Tito Livio e si è occupato a lungo dell’opera di Ammiano Marcellino e di Cicerone.

  • Argomento Classici Latini
  • ISBN 9788841890073
  • Pubblicato nel 2013
  • Formato Ebook

€ 9,99
DeA Planeta Libri Amazon Kobo iBooks Apple Mondadori Store IBS laFeltrinelli

Hai acquistato il libro? Scarica l'e-book

e-book compreso nel prezzo

Dello stesso autore

un-messaggio-per-garcia
di Marco Tullio Cicerone

Epistole ad Attico I

Volume primo
un-messaggio-per-garcia
di Marco Tullio Cicerone

De oratore

un-messaggio-per-garcia
di Marco Tullio Cicerone

Opere politiche e filosofiche

Potrebbero interessarti

un-messaggio-per-garcia
di Georg Wilhelm Friedrich Hegel

La filosofia dello spirito

un-messaggio-per-garcia

Costituzione della Repubblica Italiana

Nuova edizione aggiornata con cronologia delle modifiche
ter::show(); ?>