Vite parallele – Vol. I
di Plutarco
curato da Antonio Traglia

Vite parallele – Vol. I

Teseo e Romolo, Solone e Publicola, Temistocle e Camillo, Aristide e Catone, Cimone e Lucullo

«Spesso un breve episodio, una parola, un motto di spirito mette in luce il carattere molto meglio che non battaglie con migliaia di morti, grandissimi schieramenti di eserciti, assedi di città.» Di vite e non di storia s’impegna a scrivere Plutarco, autore di lingua greca tra i più importanti e fecondi del mondo classico. Nato a Cheronea intorno al 50 d.C., durante il regno dell’imperatore Claudio, egli fu cittadino dell’Impero romano e condusse una lunga vita: morì ottantenne, dopo essere stato studioso, politico, filosofo, scrittore e sacerdote del dio Apollo a Delfi. Consapevole di vivere in una fase della storia caratterizzata dalla necessità di riunire sotto un unico cielo due mondi distinti, quello greco e quello latino, Plutarco reinterpretò in modo originale la tradizione romana della biografia aneddotica, modificandone la forma e la struttura per venire incontro alle nuove esigenze di un impero che aveva sempre meno frontiere tra Oriente e Occidente.
Le Vite Parallele raccolgono così, a coppie, le biografie di un uomo illustre greco e di un suo corrispettivo latino, scelti secondo criteri di somiglianza nel carattere o nel destino, allo scopo, di natura morale, di mettere in luce l’uomo.

I personaggi le cui vicende sono raccolte in questo volume furono grandi militari e uomini politici di spicco. Vite eroiche, come quelle di Teseo e Romolo, fondatori di Atene e Roma, le cui imprese, se anche affondano nel tempo del mito – «dominio dei poeti e dei narratori di favole» che «non offre alcuna attendibilità e sicurezza» –, danno a Plutarco lo spunto per alcune fra le pagine più appassionanti della letteratura greca. Vi sono legislatori, come Solone e Publicola, accanto a uomini di origini modeste che si distinsero per la loro virtù, come Temistocle e Camillo: l’eroe di Salamina e il Pater Patriae delle guerre contro volsci, equi ed etruschi.

 


Antonio Traglia (1905-1991) è stato professore di Filologia latina presso la Scuola Normale Superiore di Pisa e di Letteratura latina all’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.


€ 4,99
Acquista su Kobo Acquista su Mondadori Store Acquista su IBS Acquista su laFeltrinelli

Hai acquistato il libro? Scarica l'e-book

e-book compreso nel prezzo

Potrebbero interessarti

un-messaggio-per-garcia
di Sue Prideaux

Io sono dinamite

Vita di Friedrich Nietzsche
un-messaggio-per-garcia
di Andrea Santangelo, Lia Celi

Le due vite di Lucrezia Borgia

La cattiva ragazza che andò in Paradiso
un-messaggio-per-garcia

Il dossier Hitler

La biografia segreta del Führer ordinata da Stalin
un-messaggio-per-garcia
di Vittorio Dan Segre

Storia di un ebreo fortunato

un-messaggio-per-garcia
di Victoria Eugenia Henao

Ho sposato Pablo Escobar

La mia vita con il re dei Narcos
ter::show(); ?>