Epigrammi d’amore
di Marziale

Epigrammi d’amore

Il bacio è certo un’invenzione antica: le prime fonti letterarie a parlarne sono testi indiani del 1500 a.C, ma la tendenza a baciarsi sembra essere innata e universale. A giudicare dalla quantità di poesie a esso dedicate, il poeta latino Marziale (40 d.C.-104 d.C.) sembra esserne stato un vero esperto. Nei suoi Epigrammi, di cui qui si raccoglie una selezione, non ci sono solo baci teneri e amorosi, ma anche baci indesiderati, opportunistici, gelosi. Non più i basia mille di Catullo, ma pochi baci e selezionati, perché «chiede pochi baci chi può contarli».


Potrebbero interessarti

un-messaggio-per-garcia
di Sue Prideaux

Io sono dinamite

Vita di Friedrich Nietzsche
un-messaggio-per-garcia
di Diego Fusaro

La notte del mondo

Marx, Heidegger e il tecnocapitalismo
un-messaggio-per-garcia
di Francis Fukuyama

Identità

La ricerca della dignità e i nuovi populismi
un-messaggio-per-garcia
di Marco Belpoliti, Giovanni De Luna, Nicola Gardini, Nadia Fusini, Fabrizio Gifuni, Francesca Rigotti

Rompere le regole

Creatività e cambiamento
un-messaggio-per-garcia
di Corrado Del Bò, Filippo Santoni de Sio

La partita perfetta

Filosofia del calcio
ter::show(); ?>