La crisi della coscienza europea
di Paul Hazard
curato da Paolo Serini

La crisi della coscienza europea

La maggior parte dei francesi pensava come Bossuet, poi all’improvviso i francesi iniziarono a pensare come Voltaire: è una rivoluzione, scriveva Paul Hazard in questo libro, diventato ormai un classico, in cui vengono descritti i mutamenti della coscienza europea dal Rinascimento, epoca del suo massimo fulgore, all’Illuminismo e ai traumatici eventi della Rivoluzione francese. In un tempo breve si verifica la trasformazione da una società basata sull’obbedienza cieca all’autorità del sovrano e del clero a una civiltà fondata sul diritto. Verso il 1680, infatti, tutto si mette in movimento: si diffonde l’idea che i Moderni sono altrettanto importanti degli Antichi, che il progresso deve avere la meglio sulla tradizione, la scienza sulla fede. Un’epoca di transizione, dunque, in cui il gusto per i racconti di viaggio amplia gli orizzonti e fa vacillare convinzioni acquisite da tempo. Si discute della Bibbia, dell’autenticità dei testi sacri; i liberi pensatori dichiarano guerra alla tradizione. Si parla di religione naturale, di morte naturale, di diritto naturale. Si sogna un’era di felicità sulla terra basata sulla ragione e sulla scienza. Secondo l’autore i principali artefici di tale mutamento furono alcuni pensatori come John Locke e Pierre Bayle, sostenitori, specialmente il secondo, dell’indipendenza della morale dalla religione, di A. Shaftesbury, difensore del principio della tolleranza e di John Toland, che sottoponeva a revisione critica le rivelazioni contenute nei testi sacri, minando così l’autorità della Chiesa fin dalle sue fondamenta.


Paul Hazard (1878-1944) insegnò alla Sorbona e al Collège de France. Nel 1940 divenne membro dell’Académie de France. Grande specialista di storia delle idee e di letteratura comparata, tra le sue opere da ricordare: Rivoluzione francese e lettere italiane 1789-1815 (1910, edizione italiana del 1995); L’Italie vivante (1923) e La pensée européenne de Montesquieu à Lessino, suo ultimo lavoro uscito postumo nel 1946-1948.

(1899-1965) è stato un docente e giornalista italiano. Direttore del quotidiano L’Opinione, ha collaborato con La Stampa e con la rivista Il Mondo. È stato traduttore dal francese e autore di saggi sulla letteratura francese. Per Einaudi ha curato raccolte e volumi di autori come Marcel Proust, Voltaire, Cartesio e Blaise Pascal.

 

 

  • Argomento Storia
  • Introduzione di Giuseppe Ricuperati
  • ISBN 9788851174248
  • Pubblicato nel 2019
  • Brossura

€ 15,00 € 17,00
Amazon Mondadori Store IBS laFeltrinelli

Potrebbero interessarti

un-messaggio-per-garcia
di Errico Buonanno

Sarà vero

Falsi, sospetti e bufale che hanno fatto la storia
un-messaggio-per-garcia
di Sue Prideaux

Io sono dinamite

Vita di Friedrich Nietzsche
un-messaggio-per-garcia
di Andrea Santangelo, Lia Celi

Le due vite di Lucrezia Borgia

La cattiva ragazza che andò in Paradiso
un-messaggio-per-garcia
di Mona Chollet

Streghe

Storie di donne indomabili dai roghi medievali a #metoo
ter::show(); ?>