Il viaggio della capitale
di Attilio Brilli

Il viaggio della capitale

Torino, Firenze e Roma dopo l’Unità d’Italia

Nel 1899, ricordando i suoi soggiorni in Italia, Lev Tolstoj scriveva alla moglie: «Firenze, è vero, anche a me piace per la modestia e la gradevolezza. Al mio tempo – tuttavia – d’improvviso si cominciò a sciupare: era diventata capitale». Molti dei viaggiatori stranieri che in quegli anni intraprendevano il Grand Tour lungo le strade italiane rimanevano interdetti davanti ai cantieri che affollavano il centro storico. Osservando gli sventramenti degli stretti vicoli fiorentini, Ruskin rimpiangeva la Firenze immobile di alcuni anni prima, quando era ancora possibile attraversare le stesse strade percorse da Dante. La trasformazione aveva preso il via con l’Unità d’Italia, quando i politici sabaudi avevano deciso di spostare temporaneamente la capitale da Torino a Firenze, nella speranza di stabilirla un giorno a Roma, ancora da conquistare.
Il ruolo di capitale, seppure provvisoria, aveva reso necessari cambiamenti strutturali che minacciavano l’antica pianta della città: le mura medievali furono abbattute e al loro posto nacquero ariosi boulevard e interi quartieri sorsero a ridosso della città vecchia.
Le trasformazioni di Firenze tuttavia non sono paragonabili a quelle che coinvolsero Roma.
Dal 1871 le vie dell’Urbe sono invase di calcinacci e ponteggi, mucchi di pozzolana rossa e muraglie di detriti, lastre di travertino e polvere. I borghi del centro demoliti o ridisegnati, gli enormi spazi verdi delle ville patrizie all’interno delle mura – caratteristica peculiare della geografia urbana di Roma – venduti e edificati. Quella che era la provinciale e immobile città dei papi cominciò a crescere a dismisura, senza controllo.
Utilizzando con raffinatezza e acume le testimonianze e i diari dei viaggiatori del tempo, Attilio Brilli insegue la capitale nel suo viaggio da Torino a Roma, attraverso Firenze, e ci restituisce la cronaca avvincente di un momento decisivo della storia italiana: la nascita di una società moderna, espressione di una nuova classe sociale, che avrebbe cambiato nel profondo la fisionomia delle grandi città italiane.


Attilio Brili, professore di Letteratura angloamericana, è uno dei massimi esperti italiani di letteratura di viaggio. Tra i suoi libri ricordiamo Mercanti avventurieri. Storie di viaggi e di commerci (2013), Gerusalemme, La Mecca, Roma. Storie di pellegrinaggi e pellegrini (2014), Il grande racconto del viaggio in Italia. Itinerari di ieri per i viaggiatori di oggi (2014), Il grande racconto dei viaggi d’esplorazione, di conquista e d’avventura (2015) e Il grande racconto delle città italiane (2016).

  • Argomento Storia Architettura Arte
  • ISBN 9788851149673
  • Pubblicato nel 2017
  • Formato 15,0 x 23,0 cm, brossura con alette
  • Pagine 176

€ 15,00 € 10,85
Acquista su Amazon Acquista su Mondadori Store Acquista su IBS Acquista su laFeltrinelli

Hai acquistato il libro? Scarica l'e-book

e-book compreso nel prezzo

Potrebbero interessarti

un-messaggio-per-garcia
di Sue Prideaux

Io sono dinamite

Vita di Friedrich Nietzsche
un-messaggio-per-garcia
di Andrea Santangelo, Lia Celi

Le due vite di Lucrezia Borgia

La cattiva ragazza che andò in Paradiso
un-messaggio-per-garcia
di Mona Chollet

Streghe

Storie di donne indomabili dai roghi medievali a #metoo
un-messaggio-per-garcia
di Flavio Caroli

Elogio della modernità

Da Turner a Picasso
un-messaggio-per-garcia
di Arrigo Petacco

La guerra dei mille anni

Dieci secoli di conflitto fra Oriente e Occidente
ter::show(); ?>