Grande guerra piccoli generali
di Lorenzo Del Boca

Grande guerra piccoli generali

Una cronaca feroce della Prima guerra mondiale

Alla vigilia dello scoppio della Prima guerra mondiale, i più immorali pensavano soltanto di ricavare dei guadagni per potersi adeguatamente arricchire. Gli idealisti, invece, credevano di offrire all’Italia l’opportunità di conquistare peso e prestigio internazionale, in modo da restituirle quel ruolo che vagheggiavano ma che, dopo i fasti della Roma dei Cesari, era rimasto incartato nei libri della storia classica. Negli ultimi dieci anni, prima di quel 1914, i soldati erano cresciuti alle direttive del generale Paolo Spingardi, ottimo oratore parlamentare e del generale Alberto Pollio, ottimo scrittore. L’uno e l’altro – con tutto lo stato maggiore – coltivavano il mito di Napoleone del quale leggevano con avidità biografie, recensioni, commenti strategici e valutazioni tattiche. Anche culturalmente, gli ufficiali erano rimasti con i piedi e con la testa nelle pastoie del secolo precedente. Come se il tempo fosse trascorso senza lasciare traccia. Al momento dell’entrata in guerra, l’esercito italiano venne affidato a Luigi Cadorna che, se avesse ottenuto risultati proporzionali alla sua presunzione, avrebbe conquistato il globo terracqueo. I guai maggiori di chi combatteva per l’Italia vennero dagli stessi italiani che dimostrarono di non aver maturato alcuna idea e che, tuttavia, a quel nulla, si aggrapparono con convinzioni incrollabili. Si armarono di ordini assurdi. Pretesero di mandare le truppe all’assalto anche quando ogni logica l’avrebbe sconsigliato. Insistettero nello sfidare le leggi della fisica per fortificare posizioni insostenibili. Per ottenere un’obbedienza supina, fucilarono quelli che apparvero più riottosi o anche solo meno pronti a sacrificarsi. Instaurarono un regime di oppressione che sarebbe risultato odioso per una qualunque dittatura, pur spietata. E provocarono la morte di un numero imprecisato di loro uomini, piazzando le mitragliatrici dei carabinieri dietro le file destinate all’assalto con la disposizione di aprire il fuoco alla schiena dei soldati, se avessero appena ritardato a lanciarsi fuori dalle trincee.

 


è un giornalista e saggista italiano. È stato Presidente della Federazione Nazionale della Stampa dal 1996 al 2001 e Presidente dell’Ordine nazionale dei giornalisti dal 2001 al 2010. Come storico e scrittore si è occupato in particolare del periodo risorgimentale. Tra le sue pubblicazioni: Maledetti Savoia (1998), Indietro Savoia! Storia controcorrente del Risorgimento italiano (2003), Il segreto di Camilla. Un processo di spionaggio davanti al tribunale speciale fascista (2005), Risorgimento disonorato (2011), L’Italia bugiarda. Smascherare le menzogne della storia per diventare finalmente un Paese normale (2013) e Il mistero del cavaliere (2014, in collaborazione con Giuseppe Ruga).

  • Argomento Storia
  • ISBN 9788802082967
  • Pubblicato nel 2010
  • Pagine 240

€ 10,90
Mondadori Store IBS laFeltrinelli

Potrebbero interessarti

un-messaggio-per-garcia
di Vittorio Sabadin

Elisabetta, l'ultima regina

un-messaggio-per-garcia
di Kassia St Clair

Atlante sentimentale dei colori

Da amaranto a zafferano 75 storie straordinarie
un-messaggio-per-garcia
di Kassia St Clair

La trama del mondo

I tessuti che hanno fatto la storia
un-messaggio-per-garcia
di Paul Begg

Jack lo Squartatore

La vera storia
un-messaggio-per-garcia
di Mika Rissanen, Juha Tahvanainen

Storia dell’Europa in 24 pinte

Dieci secoli di birra
ter::show(); ?>