Il convivio
di Dante Alighieri

Il convivio

Scritto nei primi anni dell’esilio, fra il 1304 e il 1307, Il Convivio segna il passaggio dalla fase “stilnovista” di Dante Alighieri a quella di un maggior impegno teorico e filosofico, che culminerà poi nella stesura della Commedia. Componimento misto di prosa e poesia, rimasto incompiuto, il trattato era destinato alla divulgazione della conoscenza “alta”: per questo era scritto in volgare anziché in latino. Un “convivio” da destinare a chiunque volesse sedersi alla mensa del sapere, di cui Dante si faceva intermediario. L’edizione critica proposta da Utet, corredata da un puntale compendio di note e collegamenti ipertestuali a cura di Enrico Fenzi, restituisce tutto l’amore per la conoscenza del poeta, e il fascino immortale dei suoi versi.


Potrebbero interessarti

un-messaggio-per-garcia
di Nicola Matteucci, Alexis de Tocqueville

La rivoluzione democratica in Francia

Scritti politici
un-messaggio-per-garcia
di Giuseppe Flavio

Antichità giudaiche

2 volumi
un-messaggio-per-garcia
di Karl Marx

Il capitale

3 volumi con cofanetto
ter::show(); ?>