A un passo da Provenzano
di Giampiero Calapà

A un passo da Provenzano

Una storia nascosta nella trattativa Stato-mafia

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu Binnu dai sottoposti, il Ragioniere dagli inquirenti. Un uomo con molti nomi, capace di restare nell’ombra per quarant’anni e, nell’ombra, in grado di comandare. Prima del suo arresto, avvenuto nel 2006, pochi conoscono la sua faccia, nessuno vuole descriverla, tutto ciò che si ha è una vecchissima foto. Eppure Alessandro Scuderi, ispettore della squadra mobile di Catania, ha in mano un identikit, di una fedeltà impressionante, sin dal 1997. Lo ha ricavato seguendo le indagini sull’omicidio di Luigi Ilardo, un collaboratore di giustizia che aveva portato il Ros a un passo dal numero uno di Cosa nostra. Come è possibile che il volto fantasma di Provenzano fosse stato descritto e disegnato quasi dieci anni prima della sua cattura? Perché nel 1995 il Ros non agì per arrestare Provenzano? Perché, pochi anni dopo, il ritratto ottenuto da Scuderi, quella pista tratteggiata con perspicacia e duro lavoro, non venne ritenuto credibile? Giampiero Calapà ricostruisce la storia di come il giovane Scuderi si è districato nella stagione più oscura del braccio di ferro fra Stato e mafia, quella che seguì gli omicidi Falcone e Borsellino, seguendo piste ormai abbandonate, mettendo insieme un quadro complesso di indizi, fino a identificare il volto del nemico. Una vicenda contraddittoria, che si dipana lungo trent’anni di storia italiana, fra uomini senza pietà, complesse operazioni di polizia, depistaggi e trattative, in una Sicilia rurale votata al sangue, nelle cui masserie si nascondono criminali inseguiti da decenni. Grazie allo scavo nelle fonti, nelle testimonianze, negli atti giudiziari, ci viene riconsegnata una storia che ha rischiato di rimanere nell’oblio, mentre costituisce un altro tassello di quel terribile mosaico di segreti, trame, e misteri che sono stati gli anni novanta delle stragi e della trattativa Stato-mafia, un mosaico che dopo più di vent’anni attende ancora di essere decifrato nella sua interezza.

GIAMPIERO CALAPÀ, nato nel 1982, è giornalista del “Fatto Quotidiano” dal 2009. In precedenza ha lavorato per “La Stampa”, “Il Tirreno”, “il Riformista” e il “Corriere Fiorentino”. È autore di articoli e inchieste su politica, mafia e  criminalità. Ha scritto Mafia Capitale (la Nuova Frontiera, 2014) e Capitale Infetta (con Alfonso Sabella, Rizzoli, 2016).

  • Argomento Attualità
  • ISBN 9788851182311
  • Pubblicato nel 2020
  • Formato Ebook

€ 7,99
Amazon Kobo iBooks Apple Mondadori Store IBS laFeltrinelli

Hai acquistato il libro? Scarica l'e-book

e-book compreso nel prezzo

Potrebbero interessarti

un-messaggio-per-garcia
di Francesco Borgonovo

La malattia del mondo

In cerca della cura per il nostro tempo
un-messaggio-per-garcia
di Gianluca Diegoli

Svuota il carrello

Il marketing spiegato benissimo
un-messaggio-per-garcia
di Federico Faloppa

#ODIO

Manuale di resistenza alla violenza delle parole
un-messaggio-per-garcia
di Malcolm Gladwell

Il dilemma dello sconosciuto

Perché è così difficile capire chi non conosciamo
ter::show(); ?>