Il carattere del ciclista
di Giacomo Pellizzari

Il carattere del ciclista

Il “Cannibale” Eddie Merckx, il più forte di tutti, e il “Pirata” Marco Pantani, un magnifico testardo che ci ha lasciato troppo presto. Beppe Saronni e la perfetta strategia della fucilata di Goodwood, Claudio Chiappucci e l’impresa tutta istinto del Sestrière. L’indisciplinato Peter Sagan e Laurent Fignon, il “Professore”. E poi l’irrequietezza dell’enigmatico Gianni Bugno, l’impetuosa forza tranquilla di Miguel Indurain, il fascino di Fabian Cancellara e la spavalderia di Lance Armstrong, al centro dello scandalo più grande della storia del ciclismo. Il pistard dal passato difficile Bradley Wiggins, icona pop che sembra uscita dagli anni settanta, e l’ipertecnologico record dell’ora di Francesco Moser, uomo che al futuro si è sempre affidato. Un campione nato nel periodo sbagliato come Felice Gimondi e un campione, Bernard Hinault, che nel proprio tempo ha dettato legge.
Che cosa hanno in comune questi assi delle due ruote? Ce lo svela Giacomo Pellizzari: ognuno, a suo modo, ha saputo rappresentare più di chiunque altro un aspetto peculiare dell’essere ciclista, ognuno ha incarnato, appunto, un carattere e lo ha portato ai suoi massimi livelli, accettandone tutte le conseguenze.
Nelle vittorie straordinarie quanto nelle sconfitte più brucianti; sulle terribili salite alpine e pirenaiche dei grandi giri come nei rettilinei finali della Milano-Sanremo o del Mondiale. Nel fango e nella polvere degli infernali settori della Parigi-Roubaix, nel vento delle côte della Liegi-Bastogne-Liegi; sull’asfalto appiccicoso per il caldo o sulle strade scivolose per la pioggia. E anche nelle cadute, quelle evitate per un soffio e quelle rovinose, che lasciano il segno nel corpo e nella mente. Emozioni autentiche che ne hanno forgiato il carattere, permettendo loro di distinguersi fra centinaia di grandi atleti. Emozioni che hanno saputo trasmettere a tutti noi che li abbiamo seguiti, ammirati e amati. Perché in fondo, ricorda Pellizzari, anche noi siamo stati come loro, almeno una volta.


Giacomo Pellizzari è scrittore, giornalista sportivo e consulente di comunicazione. È stato direttore editoriale di Bike Channel, canale di Sky dedicato al mondo a due ruote. Scrive per la rivista “Cyclist” e collabora con numerose testate, tra cui l’americana “Peloton Magazine”. È socio di Upcycle, il primo bike café restaurant d’Italia e ideatore del format “Ciclismi Possibili”. Il suo blog, “Confessioni di un ciclista pericoloso” (www.ciclistapericoloso.com), è tra i più letti dai cicloamatori. Nel 2014 è uscito il suo primo libro, Ma chi te lo fa fare? Sogni e avventure di un ciclista sempre in salita (Fabbri Editori). Con Utet ha pubblicato Il carattere del ciclista (2016), tradotto in Olanda e Germania, e Storia e geografia del Giro d’Italia (2017). Sua la voce “Giro d’Italia” nell’edizione 2017 del Libro dell’anno Treccani.

  • Argomento Sport Biografie
  • ISBN 9788851137694
  • Pubblicato nel 2016
  • Formato 13,5 x 21,0 cm, brossura con alette
  • Pagine 272

€ 14,00 € 11,90
Acquista su Amazon

Hai acquistato il libro? Scarica l'e-book

e-book compreso nel prezzo

Potrebbero interessarti

un-messaggio-per-garcia

Il dossier Hitler

La biografia segreta del Führer ordinata da Stalin
un-messaggio-per-garcia
di Gigi Di Fiore

L'ultimo re di Napoli

L'esilio di Francesco II nell'Italia dei Savoia
un-messaggio-per-garcia
di Fiona Sampson

La ragazza che scrisse Frankenstein

Vita di Mary Shelley
un-messaggio-per-garcia
di Arrigo Petacco

L'uomo della provvidenza

La costruzione del mito di Mussolini dal trionfo alla catastrofe
ter::show(); ?>