Faccetta nera
di Arrigo Petacco

Faccetta nera

L'illusione coloniale italiana

«Se per il resto del mondo l’Abissinia era soltanto una curiosità enigmistica», scrive Arrigo Petacco, «per gli italiani aveva una collocazione di rilievo nell’immaginario collettivo. Tutti sapevano come e dove trovarla sulla carta geografica, e bastava nominarla per evocare luoghi fiabeschi, sentimenti intrisi di malinconia e desideri inespressi.» Anche per questo motivo, nei primi mesi del 1935, moltissimi giovani accolsero con entusiasmo la mobilitazione delle nostre forze armate per la guerra contro l’ultimo stato africano indipendente, che nessuno chiamava ancora Etiopia: in 50 000 si arruolarono volontari.

I nomi esotici di Asmara, Macallé, Addis Abeba promettevano un futuro avventuroso, e la radio, i giornali, i cinema, perfino i pacchetti di sigarette traboccavano di messaggi di propaganda. Faccetta nera, canzone popolare divenuta involontariamente inno di regime, è la colonna sonora di un’epoca: una marcetta che canta il colonialismo come liberazione di popoli schiavi e allude all’unione tra italiani e abissine, in un misto di goliardia e ingenuo paternalismo che ben presto lasciò il posto al razzismo scientifico e alla brutalità della guerra.

Eppure, la storia dell’illusione coloniale italiana non coincide e non comincia con il fascismo: matura molto prima, nei progetti della neonata Italia unita, che rivendica il suo «posto al sole» al pari delle altre nazioni europee. È una storia contraddittoria e ricca di suggestioni. Petacco ce la racconta per intero, dalle prime manovre strategiche negli anni ottanta dell’Ottocento alla resa finale di Amedeo d’Aosta nel novembre 1941.

Nel suo racconto ritroviamo gli episodi e i personaggi cruciali: l’incidente di Dogali e la disfatta di Adua; il negus vincitore, Menelik, e lo sconfitto Hailé Selassié; i viceré Badoglio e Graziani. Respiriamo l’atmosfera dei luoghi, tra le rocce dell’Amba Alagi e le sabbie dell’Amba Aradam; vediamo sfilare gli ascari e i dubat cammellati, con i loro turbanti bianchi; sentiamo il ronzio dei cacciabombardieri. Ma soprattutto, grazie all’equilibrio e al garbo narrativo di un maestro della divulgazione storica, abbiamo modo di capire meglio ambizioni e speranze di quegli italiani, di ogni provenienza o estrazione sociale, che misero le proprie vite al servizio del nostro effimero sogno coloniale, l’Africa orientale italiana, l’impero più breve di sempre.


ARRIGO PETACCO (1929-2018), giornalista e storico tra i più apprezzati in Italia, è stato direttore de “La Nazione”, del mensile “Storia illustrata” e del programma Speciale TG1. Inviato speciale della RAI, ha curato vari programmi televisivi di attualità e di approfondimento storico e ha inoltre sceneggiato film e teleromanzi. Tra le sue numerose pubblicazioni di argomento storico: L’anarchico che venne dall’America (1969), Joe Petrosino (1972), Il prefetto di ferro (1975), Il Cristo dell’Amiata. La storia di David Lazzaretti (1978), Pavolini, l’ultima raffica di Salò (1982), Regina. La vita e i segreti di Maria José (1997), ¡Viva la muerte! (2006), Il regno del Nord (2009), Quelli che dissero no (2011), Eva e Claretta (2012), A Mosca, solo andata (2013), La storia ci ha mentito (2014), Nazisti in fuga (2014), Come eravamo negli anni di guerra (2015), La nostra guerra 1940-1945 (2016) e La guerra dei mille anni (2017).

  • Argomento Saggistica/Storia
  • ISBN 9788851157531
  • Pubblicato nel 2018
  • Formato 15,0 x 22,5 cm, cartonato con sovraccoperta

€ 19,00 € 16,15
Acquista su Amazon

Hai acquistato il libro? Scarica l'e-book

e-book compreso nel prezzo

Potrebbero interessarti

un-messaggio-per-garcia
di Gianni Oliva

La grande storia della Resistenza

1943-1948
un-messaggio-per-garcia
di Christopher Tyerman

Come organizzare una crociata

un-messaggio-per-garcia
di Marco Moneta

Un veneziano alla corte moghul

Vita e avventure di Nicolò Manucci nell'India del Seicento
un-messaggio-per-garcia
di Łukasz Kamieński

Shooting up

Storia dell'uso militare delle droghe
un-messaggio-per-garcia
di Greg Mitchell

Tunnel

1962: fuga sotto il muro di Berlino