Denaro
di Felix Martin

Denaro

La storia vera: quello che il capitalismo non ha capito

A poche settimane dall’inizio della più grave crisi globale degli ultimi decenni, nel novembre del 2008 la regina Elisabetta II, in visita alla London School of Economics, si rivolge agli eminenti economisti riuniti nell’antico e glorioso centro di ricerca interrogandoli sui motivi del disastro: com’era possibile che nessuno lo avesse saputo prevedere?
Secondo Felix Martin, saggista ed economista britannico, la risposta al quesito della regina, tanto diretto e spiazzante da suscitare imbarazzo nel Gotha dell’economia mondiale, risiede in un enorme equivoco sulla vera natura del denaro.
Tra le più grandi idee dell’uomo – fondamentale in ogni epoca della storia da quando le prime monete vennero coniate, nel cuore del Mediterraneo, oltre duemilacinquecento anni fa –, il denaro secondo Martin sarebbe, allo stesso tempo, l’invenzione più fraintesa. Da filosofi e antichi sovrani, così come da teorici, uomini della finanza e policy makers contemporanei.
Il denaro non è affatto una cosa, un oggetto materiale dotato di un valore in sé, naturale e immutabile, bensì una tecnologia sociale, caratterizzata da una forte valenza politica: una serie di idee e procedure che organizzano quel che produciamo e consumiamo, oltre ai modi stessi in cui ci troviamo a convivere.
Illuminante è l’esempio, con cui il libro si apre, di un modello d’economia alternativa come quello dell’isola di Yap, nell’Oceano Pacifico, riscoperto ai primi del Novecento da alcuni studiosi del sistema monetario tra cui il giovanissimo John Maynard Keynes: nello sperduto isolotto, la valuta è costituita da grossi dischi forati di pietra, che indicano il saldo dei debiti e dei crediti di un individuo o di una famiglia e non hanno alcun bisogno di venire spostati, né di essere presentati a garanzia dello scambio di beni. L’aneddoto dimostra che, al fondo, il denaro non è affatto una merce di scambio, come il pensiero economico ha sostenuto fin dai tempi di Aristotele, ma una rappresentazione simbolica del valore di altri beni.
Traendo storie e vividi esempi da ogni epoca della storia dell’uomo, Felix Martin ci porta infine a rivedere completamente la nostra concezione del denaro, indicando la strada per uscire dalla crisi in cui versa l’economia attuale: una rivoluzione del modo di pensare che deve essere compiuta non da un unico ente sovrano, da uno Stato o da una Banca Centrale, bensì da coloro che lo usano, cioè da tutti noi.

Traduzione di Francesco Graziosi


Felix Martin, economista e saggista, ha studiato scienze umane, economia e relazioni internazionali a Oxford, Bologna e Washington. Dopo aver lavorato tra il 1998 e il 2008 per la Banca Mondiale, è attualmente membro dell'”Institute for New Economic Thinking” di New York, diretto da George Soros, e del “Centre for Global Studies” di Londra. Ha scritto per “The Financial Times”, “The New York Review of Books” e per la rivista “New Statesman”.

Denaro è il suo primo libro, finalista dell’edizione 2013 del “Guardian First Book Award”.

  • Argomento Economia
  • ISBN 9788841897690
  • Pubblicato nel 2014
  • Formato 15,5 x 23,0 cm

€ 17,50 € 14,88
acquista

Hai acquistato il libro? Scarica l'e-book

e-book compreso nel prezzo

Potrebbero interessarti

un-messaggio-per-garcia
di Georges Sorel

Scritti politici

un-messaggio-per-garcia
di Marco Magnani

Terra e buoi dei paesi tuoi

Scuola, ricerca, ambiente, cultura, capitale umano: quando l’impresa investe nel territorio
un-messaggio-per-garcia
di Elido Fazi

Mefistofele

Come uscire dalla crisi economica con le ricette del diavolo
un-messaggio-per-garcia
di Marco Magnani

Sette anni di vacche sobrie

Come sarà l'Italia del 2020? Sfide e opportunità di crescita per sopravvivere alla crisi
un-messaggio-per-garcia
di Antonio Marzano

Politica macroeconomica