Around the clock
di Franco Fabbri

Around the clock

Una breve storia della popular music

Da qualche decennio si usa il termine “popular music” per indicare l’insieme dei generi che a partire dalla prima metà dell’Ottocento si sono differenziati sia dalla musica d’arte sia da quella di tradizione popolare, in un contesto di crescente commercializzazione e – dopo l’invenzione del fonografo – di inarrestabile diffusione mediatica. Nella seconda metà del Novecento la popular music di maggior diffusione è stata di origine afroamericana e angloamericana, ma un esame ravvicinato dello stesso rock’n’roll, della musica beat, del rock, e degli altri generi che hanno dominato il mercato discografico dagli anni Cinquanta a oggi mostra un intreccio sorprendente di influenze, materiali comuni, coincidenze nei contesti socioculturali, tecnologici, industriali. Per capire la popular music di oggi è quindi necessario uno sguardo d’insieme su tutti i generi che si sono avvicendati e differenziati dall’Ottocento in poi, in un’area geografica molto vasta. Dal fado e dal cabaret francese alla canzone napoletana, da Stephen Foster al tango, dal flamenco al rebetico, dalla canzone americana di Tin Pan Alley alla chanson, dal rock’n’roll alla bossa nova, dai cantautori al rock psichedelico, dal reggae al rap, fino alla world music, seguendo anche gli sviluppi delle tecnologie e dei media che hanno reso possibile la grande diffusione della popular music in tutti i paesi del mondo. Uno sguardo necessariamente breve, ma il più possibile equilibrato, che rende conto del contributo di popoli, storie e culture diverse al suono globale del Duemila.


Franco Fabbri insegna materie collegate alla storia e all’estetica della popular music e ai rapporti fra musica e media nelle università di Torino, Milano, Genova, e all’estero. È stato tra i fondatori della Iaspm (International Association for the Study of Popular Music) e ne è stato chairman internazionale. Fa parte delle redazioni delle riviste «Musica/Realtà», «Popular Music», «Radical Musicology». I suoi libri più recenti sono L’ascolto tabù (2005) e Il suono in cui viviamo (2008).

  • Argomento Storia della musica
  • ISBN 9788851137663
  • Pubblicato nel 2016
  • Formato 15,0 x 23,0 cm, brossura con alette
  • Pagine 255

€ 15,00 € 12,75
Acquista su Amazon
ter::show(); ?>