Gli atomi, i sensi, il sogno
di Lucrezio

Gli atomi, i sensi, il sogno

Grande lezione della filosofia epicurea è imparare a vivere il proprio presente come se si vedesse il mondo per l’ultima volta. Come se ogni singolo istante fosse l’ultimo. Ma una lezione ancora più grande è quella che ci propone Lucrezio nello splendido viaggio iniziatico che è il De rerum natura, di cui sono proposte in questo estratto alcune sezioni: vivere ogni istante come se fosse il primo, con gli occhi ingenui dei bambini, sbalorditi per ogni piccola o grande manifestazione dell’universo. Ecco l’esercizio filosofico a cui invita Lucrezio: «Pensa al colore luminoso e terso del cielo e ai corpi che in sé racchiude, alle stelle che vagano in ogni sua parte. Se tutto questo apparisse ora per la prima volta ai mortali, quale cosa si potrebbe immaginare più meravigliosa di questa?».


Potrebbero interessarti

un-messaggio-per-garcia
di Francis Fukuyama

Identità

La ricerca della dignità e i nuovi populismi
un-messaggio-per-garcia
di Marco Belpoliti, Giovanni De Luna, Nicola Gardini, Nadia Fusini, Fabrizio Gifuni, Francesca Rigotti

Rompere le regole

Creatività e cambiamento
un-messaggio-per-garcia
di Corrado Del Bò, Filippo Santoni de Sio

La partita perfetta

Filosofia del calcio
un-messaggio-per-garcia
di Andrea Carandini

Antinomia ben temperata

Scavi nell'io e nel noi. 142 riflessioni su emozioni e ragione
un-messaggio-per-garcia
di Giordano Bruno

De gli eroici furori

ter::show(); ?>